Categorie
Senza categoria

Dov’è finita la politica

Vogliamo gli eroi

Una volta si diceva che il privato è pubblico. Le vicende della politica nostrana, ma anche all’estero succedono cose che alla fine prevalgono sul pubblico (si pensi a Clinton o a politici finiti prima ancora di entrare in politica a causa di scheletri nell’armadio), ci dicono che la politica degli ideali è finita.

Va bene – si può dire – e allora? Te ne accorgi solo ora?

Sì a volte bisogna fare i conti con quello che manca o che è venuto a mancare. Se fondo un partito, istituisco una scuola di partito, li vesto e li indottrino in modo omogeneo con l’intento esclusivo di prendere il potere e gestirlo per i miei interessi faccio un’operazione privata non pubblica. Così sono nati partiti e partitini negli ultimi decenni. Non tutti beninteso. C’è anche il partito che voleva dividere l’Italia e staccarla dall’Europa. E il popolo li ha votati, quel popolo disorientato dalla magistratura che ha incarcerato i politici che si spartivano le mazzette sulle commesse pubbliche.

Poi si è visto che anche il terzo potere – la magistratura – non è poi così tanto pura visto che ha una carriera prestabilita e, di fatto, non rischia quasi nulla in presenza di un organo di autogoverno che utilizza il potere disciplinare col contagocce. Così scattano correnti e congreghe per indirizzare la coperture degli uffici più delicati.

La pubblica amministrazione, visto che come controllore ha sia i giudici civili e penali e la Corte dei conti per i danni erariali, è andata avanti nell’immobilismo più completo, timorosa e ossequiosa dei governi che ogni anno si insediano, fanno i programmi, poi sono costretti a lasciare.

Un altro tassello è stato posto dall’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, nobile idea radicale, ma in pratica foriero della ricerca spasmodica di fondi da parte delle forze politiche dato che non si fa politica, nell’era digitale, senza cospicui investimenti.

In questo quadro le forze economiche hanno fatto tutto ciò che era loro possibile fare. Le imprese più grandi sono scappate dall’Italia sindacalizzata, le piccole e medie imprese hanno retto anche alla pandemia, hanno continuato a lavorare anche durante il Covid-19.

I giovani si sono allontanati dalla politica, quella nobile che ci hanno insegnato i greci. Tra l’altro sono sempre meno i giovani anche perchè le donne, giustamente, hanno reclamato il proprio ruolo attivo in una società ancora quasi medioevale. Famiglie con pochi figli è la regola anche per l’assenza di strutture pubbliche di sostegno. L’incertezza del futuro ha fatto il resto.

Sembra l’apocalisse. Ma non è così. La barca italiana veleggia grazie al vento in poppa della Germania, dell’Europa, e, soprattutto degli Stati Uniti. Ma anche i rapporti economici stretti con Russia e Cina daranno la loro spinta. Il debito si ridurrà. Senza considerare che gli italiani sono proprietari di case e hanno sui conti correnti cospicui risparmi.

Allora finiamola di piangere. Siamo adulti ormai. Ricomincia la stagione balneare italiana, un’eccellenza italiana.

Ma la politica, quella di Mattarella per intenderci, deve tornare perchè ci piace avere un’idea di benessere diffuso, divertimenti all’altezza della nostra civiltà, che siano d’esempio per i ragazzi che oggi girano su macchinette o a frotte per i parchi italiani, ascoltando Fedez a tutto volume, sognando di fare gli influncer, dandole di santa ragione. O meglio questo sogno non può essere l’unico. E non possiamo ottenere rispetto nel mondo soltanto con banchieri, calciatori, tennisti o cantanti. Vogliamo gli eroi.

Categorie
Politica

La Turchia e noi

Perchè è importante aprire alla Turchia

Spiace che la Turchia venga ricacciata continuamente nelle zone di influenza della Russia. Negli anni passati si era parlato di un suo ingresso nell’Unione Europea, progetto sostenuto da Fini e Berlusconi, naufragato poi per l’opposizione della Lega di Bossi.

La Turchia è un Paese che conta più di 80 milioni di abitanti e fa parte della NATO fin dagli anni cinquanta. Nella seconda guerra mondiale è rimasta neutrale, lasciando che gli stati europei si distruggessero a vicenda.

Il tentativo di colpo di stato di pochi anni fa ha senz’altro incattivito Erdogan al quale nessuno toglie dalla mente che a progettarne la pianificazione sia stata la mano straniera.

Ora è veramente assurdo che la Turchia diventi la questione del posto a sedere riservato al Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyn. E’ stato sicuramente un gesto sgarbato ma in linea con il pensiero attuale della Turchia che si è ritirata dalla Convezione di Istanbul contro la violenza sulle donne di cui è stata la prima firmataria  nel 2011. Si assiste anche ad una nuova deriva militarista che affossa le spinte democratiche che ci sono in Turchia. La lotta delle donne turche per il riconoscimento dei loro diritti è in pieno svolgimento. Ma voler vedere la scarsa considerazione delle donne, seppure al potere, nel vertice tra Europa e Turchia non fa che approfondire il fossato tra le due parti.

A ben vedere, quello che è successo ad Ankara – peraltro la Turchia ha comunicato che il protocollo è stato deciso dalla UE – è emblematico di come le istituzioni europee vengano percepite all’estero, vale a dire in modo confuso.

Il Parlamento europeo eletto dai popoli con pochi poteri effettivi, la Commissione espressione dei governi nazionali con poteri esecutivi e di impulso legislativo. E il Consiglio Europeo, in precedenza con funzioni di natura informale, stabilizzato a livello organizzativo soltanto con il Trattato di Lisbona del 2009. Un Consiglio espressione dei capi di governo, la cui Presidenza è stata affidata a Charles Michel, anch’egli partecipante al summit con Erdogan. Accanto a queste istituzioni svolgono, nei singoli Stati, i capi di governo e i Ministri degli esteri dei 27 stati dell’UE. Ad un livello inferiore, regionale, troviamo istituzioni che in alcuni casi hanno competenze di politica estera (vedi Sicilia).

La domanda è: può essere efficiente una tale struttura delineata così in modo da non toccare eccessivamente il potere dei singoli Stati?

Per la finalità di impedire/gestire i conflitti armati tra gli Stati e stabilizzare le economie europee sicuramente è un’organizzazione utile.

Ma non chiediamo a questa struttura qualcosa di impegnativo, tipo unificazione delle culture, armonizzazione delle tasse, principi politici o religiosi comuni. Si è visto come è naufragato il progetto di una Costituzione europea. Diciamolo: in Europa i partiti spediscono i politici che non sono stati eletti (trombati) nelle competizioni elettorali e che in questo modo assicurano loro e al partito di appartenenza un’entrata considerevole.

Foto: Arie

E’ su questo fronte che occorre lavorare se si vuole davvero rendere l’Unione europea un’efficace istituzione con poteri reali che non siano limitati all’agricoltura o alla pesca.

Per ora ci troviamo con 27 paesi, diversi per lingue e tradizioni, con alle spalle anni di guerre e macerie, i quali, quando prendono le decisioni, hanno bisogno di una schiera di interpreti. Per non parlare del peso del voto dei singoli Stati. Ma su questo anche gli Stati Uniti non scherzano.

In questo quadro non possiamo meravigliarci se l’UE non riesce a risolvere i problemi tempestivamente come sta avvenendo per il reperimento dei vaccini.

E una sedia al posto del sofa non avrebbe il potere magico di fornire all’UE l’autorevolezza necessaria per farsi sentire in un’area così importante del Mediterraneo, nella quale la Turchia svolge la funzione di gendarme di tutti. Come al solito si guarda al dito e non alla Luna; infatti nulla è stato detto su come sono andati i colloqui sul tema caldo della politica migratoria dove ogni Stato europeo si comporta come vuole. La Germania e la Francia selezionano i migranti che lasciano entrare sul proprio territorio. In Germania lavorano circa 1,5 milioni di turchi che hanno mantenuto la cittadinanza del paese di provenienza. L’Italia, finora, è meta dell’immigrazione dall’Africa, funzionale ai lavori agricoli, principale economia del centro-sud. Si tratta di lavori stagionali malpagati che non permettono agli immigrati di farsi una vita e integrarsi nella società.

Sta succedendo come nel calcio. Una super Europa formata da Francia, Germania e gli altri Paesi del Nord ed un’altra Europa, minore, alle prese con la pressione dei popoli mediterranei e i problemi correlati ai debiti accumulati.

Qualche anno fa si parlava di PIGS (Portogallo, Italia, Grecia e Spagna)per definire gli Stati che avevano un’economia disastrata e che non ce la farebbero senza l’aiuto dei fondi europei. Aggiungerei anche la Turchia (PIGST) per il fatto che appartiene alla Nato e che rappresenta un passaggio obbligato per i migranti che scelgono la via macedone per entrare in Germania. Oltre al fatto che deve fronteggiare una severa crisi economica.

Stiamo attenti quindi a non isolare la Turchia, troppo importante per noi e il quadrante medio-orientale.

Prendiamo esempio dagli Stati Uniti. Putin è un assassino dice Biden. Risultato: fra qualche mese ci sarà un vertice USA-Russia per discutere le questioni internazionali aperte.

Giusto censurare il machismo di Erdogan come ha fatto il Presidente Mario Draghi (i giornali turchi subito ci hanno rinfacciato Mussolini e Hitler) ma  avanti con i rapporti anche bilaterali con la Turchia su tutti i punti caldi, a cominciare dall’interscambio di beni e servizi.  

Categorie
Senza categoria

Cincinnati italiani crescono

Dunque, abbiamo visto in questi giorni, le polemiche perché ogni regione italiana ha deciso quali categorie vaccinare per prima e quali a seguire tutte le altre. Ora si è tornati, pare, al criterio dell’età che appare, oltre ad essere più rispettosi degli anziani, più rispondente alle esigenze del momento. Infatti cosa vacciniamo a fare i docenti se teniamo la scuola chiusa? Stesso discorso per quelle attività che possono essere svolte da remoto quali la giustizia e così via. Una causa civile si instaura mediante citazione allegando i documenti che si ritiene probanti per le richieste che si rivolgono al giudice. Si chiede, in alcuni casi, di sentire anche una serie di testi. Tutte attività che si possono svolgere da remoto sempre che il sistema telematico della giustizia sia implementato secondo le esigenze dei cancellieri, dei giudici e dei difensori.

Mi pare, ad esempio, che diverse attività di cancelleria non sia ancora possibile svolgerle in smart working. E questa è una lacuna che va colmata con immediatezza. Serve anche uno sforzo formativo per rendere i nuovi strumenti telematici fruibili, senza patemi, dagli operatori del diritto.  Né appaiono ragionevoli e le minacce di stop alle udienze, in un settore dove l’arretrato è abnorme, accumulato molto prima del Covid.

I luoghi più critici per la diffusione del virus sono le città, specie quelle con un centro storico tipico del periodo medievale, dove la sera si chiudeva enormi porte per ragioni di sicurezza.

Il virus nell’immediato deprezza i valori delle abitazioni cittadine a fa lievitare i prezzi di quelle situate in luoghi più decentrati e meno affollati.

La città senza cinema, teatri, manifestazioni culturali, pur restando artisticamente attraenti perdono di interesse per la maggior parte delle persone. Se devo lavorare da casa preferisco un’abitazione più a misura d’uomo, con un affaccio su un bosco o un corso d’acqua. Molti si improvvisano agricoltori innestando alberi da frutto o curando l’orto. Si percepisce che la pandemia non sarà sconfitta a breve.

Abbiamo appreso anche che 1 mascherina su 10 non funziona. Resta il fatto che noi comuni mortali non sappiamo come distinguerle. Un problema grave in un periodo nel quale le varianti rendono il virus particolarmente contagioso.

Da ultimo segnalo, ma è comprensibile dopo la full immersion comunicativa del governo Conte, la poca presenza del Presidente Draghi sui mass media per comunicare la rotta del governo su Covid ed economia. Sembra che le regioni abbiano ripreso la loro marcia solitaria che già tanti danni ha causato al Paese sia in termini di livelli essenziali di servizi sia per quanto riguardo la crescita del debito pubblico.

Categorie
Senza categoria

Niente vaccini ai vecchi

In Europa sono stati vaccinati circa il 19% dei soggetti con un’età al di sopra degli 80 anni.

Cosa ci dice questo dato.

Innanzitutto la miopia politica di aver regionalizzato un bene pubblico come la salute dei cittadini. La salute dico, non la cultura o l’approvvigiomento di beni e servizi o altro settore non decisivo per la vita delle persone.

La salute, con l’affidamento alle regioni, è diventata la maggiore fonte dei voti per i politici, attraverso la nomina dei cosiddetti manager della salute, mediante la creazione delle società partecipate dove assumere dietro segnalazione politica i soliti figli dei notabili, come nell’ottocento o nel medioevo.

E pensavamo che una rete sanitaria di questo tipo potesse salvarci dal virus?

Se lo Stato non ha le competenze che occorrono in caso di pandemia è uno Stato destinato al fallimento. Ma come, in economia, appena una società privata, per le sue inefficienze, va in fallimento lo Stato rileva subito i debiti e risolve la situazione con i soldi pubblici mentre, in campo sanitario, per un anno intero lo Stato assiste impotente al caos regionale nella somministrazione dei vaccini.

Si dice, ma l’Italia è quella dei campanili, delle piccole e medie imprese, del salviamo l’occupazione, dell’offerta di reddito ai giovani che non trovano lavoro e via discorrendo.

Resta il fatto che in un settore vitale come quello sanitario vigono le regole del capitalismo nostrano. Se devi fare una radiografia, nell’ospedale pubblico la fai dopo mesi, nella clinica convenzionata dopo qualche giorno. E’ così da decenni e nessuno se ne accorge o grida. Gli influencer che spiegano come funzionano i programi per soddisfare le esigenze pratiche dove sono, cosa fanno dei milioni di euro che racimolano per far vedere come sono bravi a vivere illudendo i giovani che si può ottenere tutto facilmente. E i giornalisti? Ah già magari il giornale è di proprietà di un’impresa sanitaria. Ai privati i settori redditizi, allo Stato i rami secchi. Il debito italiano è il risultato.

In questo quadro cosa vuoi che importi se gli ultraottantenni o i soggetti fragili non siano vaccinati, come disse qualche tempo fa un ispirato politico, sono fuori dal ciclo produttivo.

Questa è la società al declino. Quando si lasciano indietro i vecchi perchè non sono più nella produzione vuol dire che i consociati hanno buttato all’aria le basi stessa della civiltà.

Altre civiltà cresceranno, con enorme progresso. Quelle che sapranno salvaguardare tutti i consociati, che faranno figli pensando al futuro anche senza avere grandi possibilità economiche ma con il chiodo fisso di far parte di un insieme più grande che li tutelerà sempre.

In occidente è sufficiente guardare quello che succede dentro un allevamento intensivo di animali. Fragilità, morte giovane, eliminazione dei più vecchi e i malati. Vaccini sempre più inefficaci.

Vogliamo arrivare a questo? Vogliamo il pollo senza ossa? Creeremo un pollo fatto così? L’agnello arrostito ancora lattante non era prerogativa della nostra civiltà ancora barbara? Ma allora avevano solo quello da mangiare. Come trattiamo la natura e gli animali rappresenta il sentiment di un popolo.

Poi ci meravigliamo che ai morti di Covid non facciamo nemmeno il funerale. La morte è stata espunta dalla nostra vita. La fila di camion con le bare ci ha risvegliato dal torpore. Ma poi tutto è ripartito come prima. Abbiamo riflettuto quanto? Un giorno, due.

Vuol dire che l’egoismo ha prevalso, la pagnotta da tempo ha sostituito l’anima di ciascuno di noi. E il futuro, ricordiamocelo, sarà tutt’altro che roseo.

Oggi il problema degli italiani è cosa fare a pasquetta. E i politici studiano come recuperare i vaccini, scoprendo che le società straniere furbastre li confezionano sul nostro territorio e poi li riesportano. Hai capito, abbiamo i vaccini in Italia ma non li possiamo toccare. A questo punto non saprei proprio dire da dove provengono l’insalata, l’olio o il tonno che fanno parte della nostra alimentazione. E non venitemi a parlare di tracciamento dei beni in Europa. Non funziona, punto.

Questa baraonda è il mercato del terzo millennio? No grazie.

Categorie
Senza categoria

La rondine sotto il tetto. — Tra Italia e Finlandia

La rondine sotto il tetto. — Tra Italia e Finlandia
Categorie
pubblica amministrazione

Su Astrazeneca ci informa Bechis

Gli inglesi, sì proprio loro, quelli che hanno resistito in cantina a Londra agli attacchi aerei dei tedeschi di Hitler, quelli che sono usciti dall’UE, quelli che hanno mantenuto la sterlina, quelli che hanno il più bel calcio europeo, quelli che parlano una lingua universale, quelli che fanno ricerca anche grazie ai nostri cervelli espatriati, quelli che ancora sopportano la monarchia, insomma gli inglesi.

Immagine dal giornale “Avvenire”

Bene, ci informa il giornalista Bechis su “Il Tempo” di oggi, questi inglesi qui hanno somministrato a 9,7 milioni persone la prima dose di Astrazeneca.

Le conseguenze avverse del vaccino, rese pubbliche e consultabili, sono state pari a 201.622. I morti ricollegabili al vaccino Astrazeneca sono state 275 pari allo 0,00236% dei vaccinati (i decessi relativi al vaccino Pfizer sono state 227).

Questo è il quadro. In Italia, ad oggi, sono state somministrate circa 2,1 milioni di dosi di Astrazeneca. Si parla di morti sospetti in ordine alle quali si deve accertare il nesso si causalità tra la somministrazione del vaccino e il decesso. Così in Italia tutto diventa nebuloso, rimesso ad autorità locali, a perizie che richiedono tempo. Mentre è chiaro che ogni giorno registriamo circa 400 decessi da Covid-19.

Ho il massimo rispetto per le persone che comunque hanno perso la vita per il vaccino. Ma ammiro la moglie del violinista Sandro Tognatti di Biella che ci ha spronato a vaccinarci. Infatti occorre aver rispetto anche per i milioni di italiani che possono essere messe al riparo dalla pandemia e questo voleva anche Sandro Tognatti, come ha scritto la moglie. Una famiglia di musicisti da ammirare che puntava sul vaccino per continuare in presenza l’insegnamento della musica.

Se vogliamo essere più puntuali. Prima del vaccino devi firmare il consenso informato, come capita in ogni intervento medico, ed alla fine della dichiarazione devi accettare che le conseguenze del vaccino a lungo termine, ad oggi, non siano conosciute. Questo perchè non è stato possibile testare le conseguenze a lungo termine, non c’è stato il tempo.

Qualsiasi medicina, se leggi le controindicazioni, la lasceresti nel cassetto. E’ necessario che la storia medica di ognuno di noi sia conosciuta, in primis da noi stessi. Per esempio il campo delle allergie è un terreno molto accidentato. Ogni tanto qualche agricoltore punto da un’ape o un altro insetto ci rimette la vita.

La vita è rischiosa e non possiamo stare tappati a casa per anni, con gravissimi rischi per la salute di un intero popolo.

Certamente però alcune analisi prima del vaccino si potrebbero ipotizzare. Un sierologico che ci dica se abbiamo gli anticorpi del Covid-19, un esame del sangue per controllare se siamo predisposti alle trombosi. Spero che su questo l’Agenzia del Farmaco e l’EMA dicano qualcosa.

Categorie
Senza categoria

Ancora su Astrazeneca

Ieri al forum Nelson Mandela di Firenze non c’era la fila per fare il vaccino Astrazeneca.

La maggior parte dei vaccinandi, insegnanti, avvocati e altre categorie ammesse al vaccino Astrazeneca hanno potuto ricevere il vaccino in anticipo sull’orario previsto a causa di numerose defezioni dell’ultimo momento. Le notizie sui decessi apparsi sulla stampa stanno avendo effetti disastrosi sulla campagna di vaccinazione. L’ iscrizione poi sul registro degli indagati per omicidio colposo di medici e personale sanitario ha posto in agitazione anche coloro i quali sono chiamati a somministrare il vaccino.

Allora è comprensibile il timore delle autorità che numerose dosi di vaccino vadano perse, una volta immessi nel sistema per essere somministrati e i soggetti ai quali sono destinate non si presentino.

Adesso pare che si lasci perdere le categorie (medici, vulnerabili ecc.) per passare alle fasce di età. Si tratta di un cambiamento di non poco conto. Comunque, per superare i timori verso il vaccino Astrazeneca, va subito accertato se il vaccino c’entri con le trombosi che hanno causato le morti sospette.

In Israele, a fine giornata, le dosi in eccesso sono state somministrate alle persone che si presentavano spontaneamente. Lì hanno raggiunto il 50% della popolazione. Forse è il caso di fare altrettanto in Italia, come anticipato dal Generale Figliuolo, dal momento che si è scelto di non imporre il vaccino obbligatorio.

Da ultimo è stato accertato che l’obesità aumenta di molto il rischio morte in caso di contagio da Covid-19. Quindi attenzione alla dieta.

Categorie
Senza categoria

Biondo Tiber

Categorie
Senza categoria

Una società al tramonto e le donne

Oggi si ricorda un evento tragico, in cui morirono tante donne che stavano lavorando in una fabbrica. Non so quanti sanno o hanno presente questo significato. Oggi tutto si risolve in un mazzetto di mimose donato alla donna a cui si vuole bene.

La festa delle donne è diventata, come tante altre ricorrenze, un fatto commerciale.

In Italia donne al vertice delle istituzioni non ci sono. Ultimamente forse sta cambiando qualcosa. Avendo meno figli da crescere forse alle donne è data una chance.

Donne preparate che vengano premiate per la loro competenza e professionalità si contano sulle punte delle dita. Ma questo dell’assenza di un sistema premiale coinvolge anche il mondo maschile. Basta farsi un giro per gli uffici pubblici.

Le donne vanno subito in affanno in questa società. Sono tra le prime a laurearsi e le ultime ad entrare nel mondo del lavoro. Nel privato, soprattutto, la donna con la prospettiva di una gravidanza è per il datore di lavoro un handicap che cerca di evitare. Meglio un maschietto meno intelligente che però sta con il sedere sulla sedia. Ci mette di più ma è presente.

Dal lato familiare non è che le cose siano migliori. La donna è chiamata a fare tutto, del resto i maschi sono impegnati sul lavoro e gli svaghi settimanali. Sono loro che parlano con gli insegnanti, sono loro che accompagnano i figli maggiormente, sono le donne che hanno il peso familiare.

I maschi intervengono con le solite conoscenze o quando serve con veri e propri altolà agli insegnanti più audaci.

Così i figli crescono in una sfera di cristallo, tanto ci pensa mamma o papà, e, al primo problema sbattono la testa, quando ormai è troppo tardi, e fanno fatica a rialzarsi.

In una società di anziani e con i giovani superprotetti gli unici che hanno una chance sono i figli di nessuno, quelli che devono darsi da fare, i più negletti come ci insegna l’ultimo Sanremo. Quelli che ce la devo fare perchè non mi aiuterà nessuno e voglio coltivare la mia passione.

Quindi meno mimose, più quote-rosa e spazio alle donne, sono le uniche a poter salvare noi maschietti in tutt’altre faccende affaccendati.

Categorie
Senza categoria

Neri compagni di vita

  
 I Corvi
 Signore, quando i campi sono freddi,
 Quando sui casolari diroccati,
 Tacciono i rintocchi dell'angelus…
 Sulla natura sfiorita
 Fa' che si avventino dai grandi cieli
 I corvi cari e deliziosi.
  
 Strana masnada di severi stridi,
 Il vento freddo vi aggredisce i nidi!
 Oh voi, lungo i fiumi ingialliti,
 Voi, per le strade d'antiche vie crucis,
 Sopra i fossati e sopra le buche
 Disperdetevi, su, radunatevi!
  
 A migliaia, sui coltivi di Francia,
 Ove dormono i morti dell'altro ieri,
 Su, d'inverno, turbinate,
 Affinché ogni passante ripensi!
 Che tu sia il banditore del dovere,
 Oh nostro funereo uccello nero!
  
 Però, santi del cielo, sulla quercia,
 Alta a maestra nella sera incantata,
 Lasciate le capinere di maggio
 Per chi in fondo al bosco, sull'erba
 Da cui nessuno sfugge, è incatenato
 A una disfatta che non ha domani. 

   Arthur Rimbaud